Per una volta nella vita - Rainbow Rowell

Come si decida di cambiare il titolo di un'opera, portandola da "Eleanor & Park", (titolo semplice ed efficace) per "deviarlo" in "per una volta nella vita, non mi è dato ancora capire. Sarà la mia refrattarietà ai cambiamenti e la mia radicata fiducia nel conservatorismo, ma proprio non capisco come mai si decida talvolta di cambiare un titolo così semplice. Infine la storia parla proprio di Eleanor e Park, quindi se è andato bene per Rainbow Rowell, perché non dovrebbe andare bene a noi altri italiani? 
La risposta è sempre la stessa solita temeraria solfa: BOH.

Detto questo, procediamo. In una notte beatamente insonne- se così può definirsi una notte passata a dormire fino alle 3 e poi trascorsa a far conoscenza con le crepe sul soffitto, attribuendo loro nomi, cognomi e dinastie- ho afferrato il mio amato Kindle e ho sbirciato i miei ultimi acquisti in ebook. Di notte non potrei accendere la luce, quindi il mio Kindle con luce integrata mi viene spesso in aiuto. (e menomale). Scorrendo i vari titoli ho notato questo della Rowell che sembrava adatto a farmi riprendere sonno (si, la speranza era proprio questa, stancare gli occhi, soggiogare la mente e ronfare beatamente). 

Ho iniziato quindi a leggere il suddetto libro e presa dalla storia dell'uno e dell'altro protagonista ho fatto tutto: ridere, sorridere, esclamare, sorprendermi, tranne quello che avrei davvero voluto: dormire.

Sicché ho terminato la letture in quasi 5 ore. Dalle 3 alle 8 circa ho "ingollato" tutta d'un fiato la storia di questi due giovanissimi ragazzi americani. 

Eleanor vive con sua madre e i 3 fratellini insieme al nuovo marito di sua madre, un uomo che spesso alza il gomito e picchia sua madre. Eleanor tempo addietro è stata cacciata di casa proprio dal suo patrigno e di recente è tornata a vivere a casa con sua madre e i suoi fratelli e il patrigno ed è tornata a frequentare la scuola della zona. Al suo "primo giorno" di scuola Eleanor conosce la cattiveria e il bullismo di ragazzi e ragazze della sua nuova scuola, già sul bus scolastico. Vuoi per la sua folta e riccia capigliatura rosso fuoco, vuoi per la mole non troppo longilinea, Eleanor vien presto presa di mira dalle burla e gli scherzi dei compagni. Tutti i giorni compie il suo viaggio casa-scuola, scuola-casa accanto a un ragazzo dai tratti orientali, anzi "asiatici" come direbbe lui: Park.

Park è un coetaneo di Eleanor, conosce molti dei bulli ma resta tranquillo al suo posto sul bus, nonostante spesso gli "scherzi" dei bulli siano diretti proprio contro di lui. Park vive con suo padre americano e sua madre coreana (se non vado errato) e suo fratello, in una famiglia che sembra uscita dai giornali patinati. Mamma bellissima, papà sosia di Magnum P.I., nonni che vivono giusto accanto. Tutti comprensivi, pronti al dialogo. Dal cuore d'oro.

La distanza tra questi due ragazzi finisce per "accorciarsi" quando Eleanor durante i viaggi sul bus inizia a leggere (a scrocco) i fumetti che Park è solito leggere durante il tragitto per la scuola.

Il resto ve lo lascio immaginare. Non ci sono spoiler, ve lo assicuro.

La trama è presto detta. Potremmo dire scontata. Tuttavia il canovaccio narrativo è "avvolto" in modo tale da attrarvi e spingervi a portare a termine la lettura.In buona sostanza non riuscite ad annoiarvi e ogni pagina, pur avendola già immaginata nella vostra testa, sarà una "droga necessaria" per voi lettori. Vorrete vedere come la Rowell descriverà la stessa scena che avete già più o meno previsto e immaginato. 

La Rowell descrive e scrive in modo da tenervi attaccati alla storia. Infine capirete di essere stati gabbati da una storia abbastanza scontata, ok, ma volete mettere l'intrattenimento che la Rowell promette e mantiene col suo modo di avvolgere, svolgere e riavvolgere i fatti?

Una lettura che consiglio in un pomeriggio di pioggia, quando avete del tempo libero e non sapete come "intrattenervi". Sorriderete, esclamerete, farete il tifo e sgranerete gli occhi.

6 su 10. Incoraggiamento.

Commenti

  1. A me ispira, credo lo leggerò in queste vacanze ;)

    RispondiElimina
  2. È nella mia wishlist da secoli immemori, GIURO che scaricheró l'e-Book al più presto.
    Ma vogliamo parlare di quanto è brutta la copertina rispetto all'originale?! :O

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il Club delle Mele Avvelenate - Lily Archer

#insKino 2 - Ricatto d'amore

Il fantasma di Canterville - Oscar Wilde